Archivi categoria: Pittura

Oltre gli occhi: l’arte di Elisabetta Maria Arici

L’anima è la nostra dimora; gli occhi ne sono le finestre, e le parole i messaggeri

(Kahlil Gibran)

“L’arte, se è tale, ci deve condurre per mano verso i luoghi conosciuti dell’anima che non abbiamo visto mai. Ed è li che si deve svelare l’artista, non prima, non dopo”

(Simone De Clementi)

Perché un filosofo parla, scrive di arte? Perché la Bellezza è la materia prima di ogni pensiero, di ogni sapere, di ogni emozione.

In Occidente ce ne siamo dimenticati da un pezzo, ma è giunto il momento di invertire la rotta. L’arte, la sua espressione, la ricerca del bello non può essere  sganciata da ogni attività filosofica, da ogni riflessione, da ogni progetto sul nostro futuro: non più. Viviamo sotto la tirannia dell’efficacia, dell’ efficienza, della velocità,  dello scientismo. La via che conduce al bello, alla ricerca di strade espressive è poco battuta. L’arte sta ai margini e mancano le emozioni. Il nostro è un “sapere ignorante”.

Ecco allora che il filosofo è come un esploratore: cerca, indaga, scorge là dove gli occhi non si sono ancora posati. Segnala ciò che racconta il futuro che arriva, non la nostalgia del passato; si sposta da dove vanno le masse, da dove guida la moda per scorgere messaggi, simboli, colori in grado di raccontarci chi siamo davvero, aldilà di ogni convenzione e conformismo.

Un’Opera vera genera pensieri veri; artisti piccoli incarnano pensieri mediocri, artisti grandi danno vita a idee maestose, in grado di farci evolvere verso un futuro positivo.

È per questo che cerco l’oltre. E quando lo incontro  non solo lo descrivo, ma mi ci immergo, lo solco come mare inesplorato. La materia e il pensiero sono uno, lo si intuisce facilmente.

Incontrando Elisabetta Maria Arici, conoscendo la donna e l’artista, il suo lavoro e il suo pensiero, si aprono nuovi orizzonti, si vedono terre mai viste. È lei che come sciamano ci conduce a vederle, preparandoci, spiegando nuovi linguaggi. Un’artista che ha il coraggio di sondare la sua anima, di essere donna vera ma al contempo in grado di andare aldilà di ogni genere. Indefinibile, perché davvero cosciente che ogni etichetta è un limite, ogni scuola un modello da superare. Grata alla vita, allieva dei quattro elementi e della Natura, capace di cogliere i suggerimenti dell’Invisibile per renderlo Visibile: questa è Elisabetta, pittrice in continua ricerca, in continua evoluzione che rispecchia nell’arte il cammino di un’ esistenza.

Un’artista a tutto tondo, capace di donare emozioni a chi ha il coraggio di viverle. Nei suoi quadri sembra quasi svelarsi l’Inconscio Collettivo così caro a Jung, forme, colori, tratti capaci di parlare un linguaggio universale.

In questo Oceano di conoscenze comuni, universali, Elisabetta da voce ai paesaggi a lei cari, trasformandole in immagini archetipiche. Nelle sue tele c’è stratificato un tesoro immenso, depositato dagli occhi dei nostri antenati, come se fosse frutto di smisurate esperienze figlie di un numero incalcolabile di vite. Passato, presente e futuro si fondono, l’immagine è respiro, ricordo e premonizione ad un tempo.

Per questo le opere di Elisabetta piacciono, attirano persone di ogni tipo, di ogni provenienza e cultura: lo fanno perché parlano un linguaggio universale, comprensibile a diversi livelli a tutti. Il colore la fa da padrone, ma le proporzioni, le geometrie, le linee rispettano un’Armonia celeste. Il suo occhio è fotografico e riporta questa precisione nel quadro; ma i soggetti arrivano con colori ed energia direttamente dal sogno o forse da un mondo oltre il nostro chissà, quasi a prefigurare ciò che ancora non vediamo in questa terra.

Le immagini di Elisabetta, siano esse fiori, paesaggi, Angeli, mantengono un contatto diretto con una dimensione spirituale molto più autentica di quella fisica, svelano un sapere metafisico, iniziatico. Nella sua Opera l’artista è onda di vita che ci precede, incaricata di svelarci un pensiero nuovo, un mondo diverso con il suo messaggio di luci e di ombre, di pennellate decise e vigorose.

Se proprio urge una definizione, la chiamerei ELEMENTISTA. Nei suoi quadri troviamo l’energia e l’azione del Fuoco; le idee e il pensiero dell’Aria; le emozioni e i sentimenti dell’Acqua; la generosità e la prosperità della Terra. Il tutto fuso dal linguaggio del colore universale, fluido, vivificante.

E i modelli? Perché cercare paragoni, similitudini e non soffermarsi sull’originalità del suo codice, della sua estetica? La forza di Elisabetta Arici è la capacità di uscire dalla biografia per entrare nella narrazione universale, di uscire dal “compitino”, dalla riproduzione esatta della realtà per esplorare l’onirico. La forza di regalarci opere uniche, non gesti tecnici riproducibili in serie come la macchina industriale ha suggerito alla modernità, finita da un pezzo.

Elisabetta non è mai scontata, seriale, già vista. Ecco un motivo per avere una sua opera, ecco ciò che attrae davvero chi fa filosofia, chi vuole esplorare nuovi sentieri. Chi è davvero inattuale.

Come me.

Simone De Clementi

“Atte” (Elisabetta Maria Arici, acrilico su tela, 2016)

Annunci