Archivi categoria: OSS

Note sull’avvenire delle RSA

“Si sopravvive di ciò che si riceve, ma si vive di ciò che si dona”
(Carl Gustav Jung)

“Ripensare il modello di assistenza significa prendersi cura concretamente di tutti i soggetti presenti nella relazione terapeutica: operatori, ospiti, familiari. E significa farlo a livello biologico, sociale, psicologico, culturale” 

(Simone De Clementi)

L’emergenza covid-19 ha fatto emergere molte criticità e contraddizioni all’interno del sistema delle Residenze sanitarie assistite (RSA). Bisogna chiarirci: è stato un fattore  di stress eccezionale certo, ma il sistema non funzionava già da prima. Se in alcune strutture si lavorava con metodo, con impegno, con dedizione, facendo attenzione al benessere sia degli operatori sia degli ospiti, in altre strutture questo non accadeva.  Vi erano criticità evidenti e problemi nascosti, spesso causati da un sistema molto burocratico e poco centrato sulle persone. Ora, con quello che è successo, abbiamo improvvisamente aperto gli occhi su un mondo nascosto, o meglio trascurato, poco conosciuto nelle sue dinamiche, spesso considerato una fastidiosa appendice della Sanità.

Eppure i numeri raccontano di 4.629 RSA sul territorio nazionale, di cui 2.651 al Nord, 668 al Centro, 493 al Sud e 817 nelle isole, per un totale di 340.593 posti letto (dati GNPL National Register). Un quadro che comprende eccellenze e mediocrità, progetti innovativi e disorganizzazione ed anche casi in cui si registrano negligenze, violazioni e disinteresse verso i dipendenti e verso gli anziani. Un quadro che racconta di costi sempre più alti, spesso insostenibili per le famiglie e per la collettività. Un quadro che racconta anche di una popolazione anziana molto numerosa, fragile, con patologie sempre più complesse e impegnative da trattare in molte strutture. Un esempio su tutti i pazienti con deterioramento cognitivo (Malattia di Alzheimer, demenza fronto-temporale, eccetera), categoria in continuo aumento da almeno una ventina d’anni a questa parte e che, nella maggior parte dei casi, non ha reparti ad hoc ma si trova a convivere con gli altri ospiti, con tutte le difficoltà connesse per gli operatori e con evidenti problemi di sicurezza e di gestione del rischio.

Ci siamo stupiti di una narrazione che ha portato alla luce la debolezza di un sistema che, già fragile, spesso non ha retto all’onda del contagio, eppure i dati sono chiari. Il Report dell’Istituto Superiore di Sanità datato 20 aprile 2020 segnala come principali criticità la mancanza di dispositivi di protezione individuale (DPI), l’assenza di personale sanitario, la scarsità di informazioni sulle procedure da attuare per contenere le infezioni e la carenza di farmaci. Si tratta di criticità che possono mettere a rischio l’esigibilità dei diritti fondamentali della persona, dunque sono eticamente inaccettabili.

Questi sono i fatti: ora, più che giudizi, interessano proposte e prospettive. Occorre un mutamento fondamentale nel settore e, per metterlo in atto, occorre una “visione” capace di immaginare il “dopo”.

I problemi più frequenti nelle strutture interessano più aree, spesso collegate tra loro. Penso per esempio alla selezione del personale, dove si cercano divise e non persone. L’idea diffusa è che basta avere una qualifica e il gioco è fatto. Non è così: assumere qualcuno in emergenza o valutando il suo curriculum è facile, quasi banale. Ma assumere una persona valutando se è la persona giusta per il contesto, per il team lo è molto meno. La cultura aziendale, l’efficienza dell’organizzazione, la rispondenza alla mission partono da qui. Avere persone ragionevolmente motivate e disposte ad aiutarsi fa la differenza, soprattutto in situazioni di emergenza. Penso all’attenzione all’ospite, soprattutto in momenti fondamentali, come l’igiene, il pasto, le attività educative. I momenti di solitudine e sconforto. Vi sono vari modi di lavorare, di garantire almeno ciò che al buon senso appare evidente e scontato. Ma scontato non è. C’è una qualità cartacea, un rispetto di standard e di regole apparente, ed uno reale, concreto. Vi sono parametri economici e valori etici. L’equilibrio è una virtù che si raggiunge con la pianificazione, la visione, lo studio. E anche con investimenti.

Penso ancora alle strutture, a come sono costruite, a come sono organizzati gli spazi interni e quelli esterni. Spesso sono datate, inadeguate allo scopo, con problemi di accesso e con difficoltà a reperire spazi adeguati in caso di isolamento. Ecco perché una nuova stagione di architettura e di ingegneria per il sociale è da pensare e da realizzare, con al centro  le esigenze degli anziani del nuovo millennio, così diversi da quelli del secolo scorso; fatta di materiali adeguati, naturali,  di percorsi a colori, di luce, di esperienze tattili, di benessere e di sicurezza.  Penso agli strumenti a disposizione degli operatori, indispensabili per la sicurezza degli ospiti e del personale stesso e che spesso mancano o non sono utilizzati. Penso all’importanza della prevenzione anche all’interno del sistema assistenziale, intesa soprattutto come risorsa capace di educare e stimolare la capacità dei singoli a prendersi cura di sé. Penso all’attenzione che dovrebbe avere una corretta alimentazione, il primo tra i farmaci.

E certo, penso soprattutto alla formazione

Innovazione digitale in RSA: Il futuro è anche questo

specifica degli operatori, sia tecnico-professionale sia relazionale, a volte trascurata o sottovalutata. Non è possibile affrontare situazioni complesse senza un adeguato aggiornamento, senza lavorare sulle novità proposte in campo medico, educativo, assistenziale, senza diffondere le conoscenze linguistiche e comunicative essenziali per saper far fronte alle richieste dei familiari, alla relazione con le persone anziane. Non si può pensare di offrire umanizzazione nelle cure se non si lavora per costruire team efficienti, efficaci e soprattutto motivati. Incoerenze di un sistema che deve cambiare. Dunque, più competenze agli operatori, più formazione anche in settori che finora venivano trascurati. Capacità di gestire emergenze, a tutti i livelli. Su questo occorre puntare. Come occorre puntare sulle nuove tecnologie, su dispositivi ad hoc capaci di mettere in contatto i familiari con gli ospiti a distanza, su tecnologie capaci di portare davvero la digitalizzazione dei dati nelle strutture e di renderli fruibili a medici, laboratori, ospedali. Informatizzare, formare e umanizzare: tre parole che devono ispirare il domani.

Io non sono scoraggiato riguardo al futuro. D’accordo che il facile ottimismo di ieri è impossibile; d’accordo che ci troviamo di fronte a una crisi mondiale che ci lascia sgomenti di fronte al domani. Ma ogni crisi ha al tempo stesso i suoi rischi e le sue possibilità. Può significare blocco o rinnovamento. Dipende da noi, soltanto da noi. Questo è un momento di fine e di inizio.

I vecchi sistemi di lavoro e di organizzazione non possono essere la risposta per il futuro, ed inevitabilmente scompariranno. In un momento buio e confuso, avere questa certezza, avere questa determinazione ci può condurre a realizzare un sistema migliore.

                                                                                                                                                      Simone De Clementi

Resilienza: nuove rotte per attraversare le prove della vita

“Chi ha un perché abbastanza forte può superare qualsiasi come”
(Friedrich Nietzsche)

 “Tutto sulla Terra è resiliente: montagne, oceani, vegetali, animali. Essere resilienti, in fondo, significa essere vivi. Non esistere soltanto, ma essere vivi e coscienti di esserlo”

(Simone De Clementi)

“Resilienza – di Sergio Astori posato su una cassetta artistica di Elisabetta Arici”

Un libro può darci intelligenza, a volte sapere. Raramente la grazia di vederci trasformati al termine della sua lettura. Sergio Astori riesce a farlo con “Resilienza” (Cinisello Balsamo, San Paolo, 2017, 140 pagine, 16,00 euro), il suo ultimo lavoro, che accosta chiarezza espositiva a contenuti di grande interesse.

Ero timoroso prima di aprire il libro: vi sono termini che un filosofo guarda con sospetto. Quando le parole diventano una moda, quasi uno slogan, non è facile portare alla luce ragionamenti e riflessioni capaci di fare crescere, di portare luce. E resilienza oggi è una parola passepartout, usata e abusata, quasi violentata dalla moda, dal momento. La maggior parte delle volte è utilizzata senza anima, appare vuota, scontata. È un puro suono, qualcosa che serve a dimostrare agli altri che in qualche modo si è aggiornati. Si ripete, ma non si è esplorata la sua anima, la sua essenza.  Bravo l’autore a proporre una lettura innovativa, multidisciplinare, propria; è stato capace, come indicato nel sottotitolo, di andare oltre, trovando nuove rotte.

Il libro di Sergio Astori, psichiatra e docente dell’Università Cattolica di Milano, è dunque una piacevole sorpresa, per almeno due ragioni. La prima è che l’autore intreccia l’esperienza personale, professionale, con eventi di cronaca che ci hanno toccato nel profondo e che, forse, inconsapevolmente ci segnano come uomini e donne nel nostro quotidiano ancora oggi. Il riferimento all’11 settembre è più di un fatto biografico: è una riflessione su ciò che uno snodo drammatico della storia può lasciare nel nostro inconscio.  Quella dell’autore è una narrazione che coinvolge e che dà sostanza ad aspetti importanti del significato della parola resilienza, come ad esempio la capacità di adattamento e la modalità individuale di affrontare il cambiamento.  Resilienza è una parola ricca, usata in discipline differenti, dalla biologia all’ingegneria, dal mondo degli affari allo sport.  Ma proprio in questa pluralità si coglie l’importanza di un vocabolo che può diventare una risorsa per la nostra società, a patto di salvarla dalla deriva del “nulla” che spesso l’accompagna.

La seconda ragione, ancor più sorprendente, è che il libro di Sergio Astori propone anche degli strumenti per “fare” e “diffondere” la resilienza. Innanzitutto a livello individuale, ma poi sorprendentemente, anche nei gruppi, nelle comunità. Le schede, inserite tra le pagine con una grafica differente, e la sintesi a fine di ogni capitolo sono le modalità con cui questo proposito prende forma. In questo senso il libro ci aiuta a ricapitolare quanto appreso a poco a poco, ci fa degli esempi concreti, diviene strumento di lavoro sia intellettuale sia professionale.

Il libro è importante per questo: rifugge dall’aggiungere altri significati, altre sfumature alla parola ma scava, va in profondità e, come scrive l’autore, “preferisce documentare diverse situazioni nelle quali si è concretizzata la dimensione resiliente dei fanciulli, delle famiglie e delle comunità”.

Il testo ha il merito di essere scritto con chiarezza e di essere capace di condurci oltre la “routine” della vita quotidiana, della stanchezza che spesso si annida proprio nei lavori di relazione, di educazione, di aiuto. Un percorso utile per insegnanti, per medici, per avvocati. Ma anche per tutti i professionisti della cura, indistintamente, e per ogni persona alla ricerca di una crescita personale.

L’Opera di Astori indica che l’anima umana, quando solca il mare della vita, può essere scossa dai venti e dalle maree, da ciò che accade intorno: ma, seguendo le stelle, fuor di metafora il nostro cuore, ha in sé la forza ed il coraggio per partecipare ad ogni attività, per far fronte a tutto. Siamo teneri e tenaci, adattabili, versatili. Resilienti. Siamo in grado di far fruttare e perfezionare tutti i beni spirituali e materiali di cui disponiamo.  Basta accorgersene e allenarsi, praticare. Prima nelle piccole cose, poi in ogni sfida. Sergio Astori fa riferimento con rara finezza alla “viva essenza umana” di Romano Guardini e scrive: “[…] resilienza è anche capacità di misurarsi con la rottura dell’integrità di una vicenda e di un percorso, accettando di guardare alla propria ferita. Chi è resiliente è anche paziente perché rinuncia alla pretesa del tutto e subito”.

In questo Passaggio d’epoca sono molteplici le prove che ci troviamo a fronteggiare. È importante guardarle con gioia e con la capacità di flettere la nostra anima, il nostro corpo. °In fondo, stiamo già cambiando, il nostro DNA lo racconta. Tempi nuovi ci attendono e noi li possiamo abitare.

Il libro di sergio Astori lo pre-annuncia, staccandosi dai messaggi conformisti di chi nel nostro tempo vuole frenarci. È dunque un libro inattuale a tutti gli effetti, un libro da leggere e da mettere nello zaino che porteremo nel Nuovo Mondo.

Simone De Clementi

  • RESILIENZA (INGEGNERIA): Capacità di una struttura (come un ponte o un edificio) di resistere a un urto improvviso senza spezzarsi;
  • RESILIENZA (BIOLOGIA): Capacità di un tessuto di ripararsi dopo aver subito un danno;
  • RESILIENZA (PSICOLOGIA): Abilità di un individuo di superare in modo efficace le situazioni avverse, di risollevarsi dopo una crisi, di rinascere dopo un trauma;
  • RESILIENZA (ECOLOGIA): Capacità di un Ecosistema di sfuggire a un livello irreversibile di degrado

Prima delle parole. L’importanza dell’ascolto nella cura

“I medici sanno parlare, però non sanno ascoltare e ora sono circondato da tutte le medicine inutili che ho preso nel corso di un anno”

 (dal film “Caro Diario” di Nanni Moretti)

Parole, parole, parole. Soltanto parole tra paziente e operatore di cura, non importa se medico, infermiere, fisioterapista, tecnico di laboratorio od OSS. Parole che troppe volte sono inadatte a far fronte  ai bisogni più profondi dell’esperienza di malattia, quali l’accoglienza, l’accudimento, il rapporto affettivo. Parole che mancano o che eccedono, parole comunque orfane della capacità di ascoltare.

Si ripete quasi ossessivamente che l’ascolto è alla base di ogni processo comunicativo, eppure questa regola è costantemente disattesa. Il motivo è semplice: non si insegna ad ascoltare ma ad affermare. L’ascolto è un gesto concreto: va onorato praticandolo, non parlandone. Bisogna esercitarsi, imparare le sue regole, saper abitare i silenzi. L’ascolto non è una lista di domande che appartengono prima al professionista e poi al malato, ma è un’opportunità di lasciare esprimere l’altro con tempi e modalità del suo vissuto, della sua cultura.

In fondo il malato è il più grande esperto della sua malattia: più di ogni professionista, il paziente sa che cosa essa significa per la sua vita. Sa che cosa prova, quale dolore sente. Sa quali risorse può mettere in campo, quali sono le sue aspettative e le sue emozioni. Ascoltarlo dunque è più che ragionevole, perché solo attraverso la sua narrazione è possibile trovare il percorso di cura migliore.

Non c’è narrazione senza un corpo, il suo corpo. La medicina e l’assistenza delle macchine e delle procedure ha creato un paradossale gap tra il sentimento di malattia e la malattia oggettivamente intesa, ha creato l’eccesso di una attenzione che trascura la soggettività della persona. Succede che le parole non bastano e talvolta non servono o sono addirittura un inganno. I grafici, le immagini, le analisi e i numeri non sono noi e non ci assomigliano neanche tanto. Succede che la diagnosi non è la malattia e che ciò che dice il medico ci appare lontano. Perché non proviene dall’ascolto, ma da una esaltazione dell’io. Migliorare l’assistenza significa allora colmare questa distanza.  Attraverso l’umile saggezza di un operatore che chiede al paziente informazioni e poi in silenzio prova a capire.

Occorrono professionisti capaci di scendere nel pozzo della sofferenza, capaci di muoversi in un luogo molto faticoso, con poca luce, freddo, senza dividere l’affezione del corpo e l’afflizione dell’animo. E con la coscienza che fuori dal pozzo c’è un giardino fatto di fiori, frutta e luce: il giardino della salute, della medicina sostenibile perché umana.

Simone De Clementi  (Filosofo della scienza) 

Pubblicato su “Il Giornale di Brescia” Venerdì 15 maggio 2015

"Parole vuote" (foto di Elisabetta Maria Arici)

“Parole vuote”
(foto di Elisabetta Maria Arici)

Lettera a un OSS

“Non può esser nota nessuna malattia da cui sia colpito un uomo vivente: poiché ogni uomo vivente ha le sue particolarità e soffre sempre d’una infermità particolare e sua”

(Lev Tolstoj)


“Quando si capisce che non si ha più nulla da dare, è meglio andarsene, aver il coraggio di ricominciare. Perché è difficile? Perché nessuno può darti la certezza che ci riuscirai …”

(Simone De Clementi)

Dedico questo scritto a tutti gli OSS (operatori socio sanitari) per due motivi: primo, perché sono convinto della straordinaria importanza della loro professione oggi e più ancora nel futuro; secondo, perché ho avuto la fortuna di propormi come formatore, e  ancora lo faccio, a molte persone che hanno deciso di intraprendere questa strada. Da loro ho sempre imparato molto …

 Poche parole. Poche parole, non temere, ma spero chiare e portatrici di un po’ di luce. Innanzitutto tu non sei un OSS: fai l’OSS. Tu hai un nome, un volto, una storia. Ma tu non sei un ruolo, un lavoro. Oggi hai deciso di fare questa professione o soltanto di conseguire questo titolo. Perché lo hai fatto, lo sai solo tu. Passione, curiosità, necessità … Ma chissà che cosa ti riserverà il domani. Proprio come una persona che si affida a te. Non è anziana, disabile, dipendente, malata. Si trova in questa condizione. Ora. Ma lei è altro. È Giulia, Simone, Elisabetta, Pietro … capire questo vuol dire essere sulla giusta strada. Lo dico perché poi, quando ti troverai in una struttura, la mattina, all’ora del giro, spesso non ci penserai. Non perché sei superficiale, ma perché non ne avrai il tempo. O la sera, dopo che avrai assistito un anziano nella cena, stanco non ti ricorderai a quanto ti è stato detto nelle ore di “Etica e Deontologia” o in un altro corso di aggiornamento che ti abbia trasmesso nozioni.

La tua unica chance è quella di aver avuto la fortuna di trovare qualcuno che ti abbia proposto un “sapere incarnato”, vivo, sfidante; non un sapere che passa solo attraverso il cervello (i neuroni muoiono presto, si sa) ma un sapere capace di toccare il cuore, di raggiungere le emozioni. E che ti abbia sfidato a pensare, a vedere il mondo, a viverlo nella sua complessità.

Ciò che leggerai sui manuali e sulle slide passerà presto. Brutta cosa i manuali: devi imparare per superare un esame, in modo uniforme, standardizzato. Ti convinci che esiste un linguaggio unico, quando la realtà ti porterà a scoprire la molteplicità dei saperi, la contaminazione. Non cascarci. Tu incontrerai cose e persone, malati, colleghi, strutture con il corpo, non solo con la mente. Pensaci. Pensaci ogni volta che il pensiero della routine ti turba, ti infastidisce.

Efficacia ed efficienza non sono gli unici obiettivi di lavoro, i criteri assoluti. Soprattutto per te che incontrerai dolore e gioia, speranza e disperazione, lutto e nascita. La vita. Allora pensa che un giorno, durante il corso, qualcuno ti disse che potevi essere tu il fattore di cambiamento. Anzi, dovevi esserlo. Un cambiamento nel fare, nell’approcciarsi all’altro, alla sofferenza. Al contesto di cura. Un cambiamento mite, ma luminoso, vivace. Un cambiamento che significa in fondo rivitalizzare spazi e oggetti, che esalta l’organizzazione perché è capace di andare oltre essa. Un cambiamento che può essere portato, testimoniato, solo da chi è disposto a cambiare se stesso.

Nel tuo lavoro ti renderai conto che nessun farmaco è più forte dello stesso operatore, e capirai che con la tua presenza e la tua influenza puoi infondere serenità e fiducia, aumentando il processo di guarigione o di miglioramento più di ogni trattamento.  Ricordati che le parole, le carezze, i sorrisi sono “cose”. Non usare la comunicazione a casaccio, perché non vi è differenza tra un farmaco sbagliato e una parola sbagliata. Ricorda che non esiste nessuna divisione tra corpo e mente, dunque ogni “cosa” che farai, che dirai riguarda la persona, incide su entrambi.

Ricorda di nutrire il tuo spirito: non puoi solo dare, ma devi ricevere. Il rischio è quello di diventare come una cisterna vuota. Se sarai svuotato, demotivato, vagherai per le stanze, per la struttura, vedrai problemi non opportunità; ti sentirai bloccato, non entusiasta e libero. Sopporterai casi, non incontrerai volti. Se arriverai a quel punto, smetti. Fai una pausa, per il bene tuo e degli altri. Vorresti essere assistito tu da qualcuno che non ha nulla da dare, che ti considera un peso e che non vede l’ora di andare a casa?

Ho già scritto molto. Troppo forse. Ma volevo dirti queste cose, che credo importanti. In fondo, potrei essere ancora più sintetico: ricordati di ascoltare e di ringraziare. Un comportamento rivoluzionario, se pensi che oggi siamo abituati a parlare e a lamentarci.

 Simone De Clementi

"Alto e luminoso" (foto di Elisabetta Arici)

“Alto e luminoso”
(foto di Elisabetta Arici)